Le dame scure della Savoia

//Le dame scure della Savoia

Le dame scure della Savoia

L’esperto di api Klebert Silvestre racconta perché l’ape nera della sua valle è minacciata e come il comune francese di Les Belleville difende la sopravvivenza di questi preziosi impollinatori nelle Alpi.

“È l’ape della mia valle, quella che allevavano i miei nonni. Oggi è minacciata”, racconta l’esperto di api Klebert Silvestre, vicepresidente dell’associazione FEdCAN (Federation Europeenne des Conservatoires de l’Abeille Noire), ed è per questo che l’ape nera è così importante per lui. Questa sottospecie dell’ape europea è caratterizzata da ali di colore dal marrone al nero e da un esoscheletro scuro di chitina.

Il comune di Les Belleville in Savoia è partner del progetto BeeAware! e ha allestito un apiario per allevare regine di api nere al sicuro dal rischio di ibridazione. Inoltre il comune acquista attrezzature per l’allevamento di api nere ed effettua test genetici.

Ibridazione dell’ape nera

“Le analisi genetiche mostrano che il 40% dei miei 350 alveari sono ibridati con altre specie di api”, spiega Klebert Silvestre. Questo perché gli apicoltori spostano i loro alveari dalle zone di montagna a quote inferiori, dove si possono trovare altre specie, in particolare api italiane.

“Storicamente, dopo la seconda guerra mondiale, gli apicoltori francesi hanno importato api dall’Italia, per cui si sono verificate forti ondate di ibridazione”, così l’esperto di api spiega il meticciamento delle api nere. “Ora le api stanno gradualmente riassumendo una colorazione scura, ma geneticamente sono ancora fortemente ibridizzate, il che le indebolisce”. Poiché nel corso dell’evoluzione le api nere locali si sono adattate alle condizioni del luogo, esse richiedevano meno lavoro all’apicoltore ed erano più resistenti, prosegue l’esperto di api. “Quest’inverno gli apicoltori di pianura hanno perso più del 50% dei loro alveari, io ho perso solo il 15%”, aggiunge Silvestre.

Aiutare le api nere

“La missione della nostra associazione è di sostenere l’ape nera locale, di promuoverne la distribuzione e di organizzare corsi per gli apicoltori locali. Grazie ai contributi dei nostri 70 soci, quest’anno abbiamo potuto formare una trentina di apicoltori”, così Sylvestre descrive gli obiettivi dell’associazione FEdCAN.

Il comune francese di Les Belleville è partner del progetto BeeAware! Insieme a Fedcan sostiene l’ape nera locale.

Gli estratti dell’intervista sono stati inizialmente pubblicati sul sito web di Pollinis. L’associazione ci ha dato il suo gentile permesso di usarlo qui.

 

Informations complémentaires:

www.fedcan.org/, www.pollinis.org/actus/rencontre-avec-klebert-silvestre-le-berger-des-abeilles-de-savoie/, https://france3-regions.francetvinfo.fr/auvergne-rhone-alpes/savoie/belleville-savoie-refuge-abeille-noire-menacee-1328577.html

 

By |2019-07-09T10:19:07+01:00Giugno 19th, 2019|Progetto|0 Comments

About the Author:

Avatar

Leave A Comment

Die CIPRA setzt BeeAware! in Kooperation mit dem Gemeindenetzwerk «Allianz in den Alpen» und dem Verein «Alpenstadt des Jahres» um. Das Projekt wird von dem Deutschen Bundesministerium für Umwelt, Naturschutz und Nuklearer Sicherheit (BMU) und aus Drittmitteln finanziert.